Computer Gaming

Tutto quello che volete sapere su Tech e Hardware dalla Apu alla Zalman

Quando l’audio del PC era una costosa alternativa

Posted by Eraovius on febbraio - 28 - 2016

In un’epoca in cui tutti hanno un hardware in grado di riprodurre musica ed effetti sonori, il primo personal computer -creato da IBM – creato solo per utenti business e per usi da ufficio, uscivano solo con un riproduttore di suoni in grado di bippare ed emettere cicalii. La sorgente audio della macchina IBM, targata 1981, aveva appunto questo output audio, ora meglio conosciuto come “PC speaker,”che poteva riprodurre l’audio solo in due voltaggi differenti (on e off), che significa che il massimo che potesse offrire erano, per l’appunto, beep o fruscii.

Gli ingegneri solo col tempo si adoperarono per sviluppare metodi ri riproduzione audio più complessi del PC Speaker, vale a dire quando i PC si sono avvicinati alla multimedia e, in particolare, ai videogames. La risposta fu data con delle schede audio da inserire in particolari Slot, che potevano garantire una riproduzione più o meno fedele di un numero limitato di suoni al secondo, e offrirono i primi accessi jack ai PC.

A cavallo tra gli anni ’80 e ’90, gli utenti PC users che volevano un decente output audio dovevano spendere cifre non da poco; in questi anni infatti, i produttori come. AdLib, Creative Labs, Roland, Gravis, e altri, generarono il mercato delle periferiche PC audio. Alla fine, i derivati delle Sound Blaster vinsero su tutti.

adlib

 

AdLib PCMS (1987)

L’AdLib Music Synthesizer Card è stata la prima scheda audio per tutti i PC basati sul modello IBM PC ad avere largo supporto software. Fu creata su base di una singola scheda con chip Yamaha YM3812 FM synthesis per riprodurre sia musica che effetti sonori ma non supportava audio digitale. King’s Quest IV, titolo famossissimo della Sierra,fu il primo gioco a supportare le AdLib card, scelta che poi si rivelò vincente e convinse altri sviluppatori.

game blaster

Creative Labs Game Blaster (1988)

La Game Blaster ha iniziato il suo percorso come “Creative Music System,” e fu il prodotto che inaugurò il successo della Creative Labs. in realtà era molto diversa dalla Adlib, e utilizzava CMS con due chip Philips SAA1099 che riuscivano a riprodurre ben 12 voci wave (divisibili per ottenere due canali stereo). Tuttavia, la qualità sonora era inferiore rispetto alla AdLib card, e gli sviluppatori di giochi rimasero attaccati alla Adlib.

roland-lapc-i-1988

Roland LAPC-I (1988)

La LAPC-Iera la versione pià famosa della Roland MT-32 MIDI synthesizer module, che montava su slot ISA card. In grado di riprodurre sino a 32 suoni simultaneamente in stereo utilizzando il “linear arithmetic synthesis”, un metodo che utilizzava suoni provenienti da strumenti modificati elettronicamente per produrre risultati incredibilmente realistici per l’epoca. La Sierra accolse molto bene la Roland, ma il suo alto costo ne limitò la diffusione(si parla di circa $425 negli anni 80).

creative-labs-sound-blaster-1989

Creative Labs Sound Blaster (1989)

La combinazione perfetta tra prezzo e qualità audio. includeva tutte le potenzialità della precedente Game Blaster’s, perfettamente compatibile con tutti gli standard e i giochi che utilizzavano la AdLib card, e provvedeva a riprodurre suoni digitali a 8-bit fino a 23KHz, e fu tra le prime ad introdurre la “porta giochi”, una porta installata sul retro della scheda audio che provvedeva alla compatibilità coi primi controller sviluppati per PC, vale a dire joysticks e control pads. Le sue caratteristiche la resero presto una delle più amate e supportate dai giochi, e diventò la regina dei videogiochi, buttando letteralmente la Adlib fuori dal mercato. Pocop iù tardi fu creata la Sound Blaster Pro, che includeva due  M synthesis chip e la possibilità di riprodurre suini mono a 8-bit ma a 44.1KHz.

gravis-ultrasound-1992

Gravis Ultrasound (1992)

La Gravis mise il suono PC in una nuova era con l’inclusione della sintesi wavetable, che utilizzava suoni registrati di strumenti musicali per produrre musica. Fu anche una delle prime ad avere un audio output 16-bit, 44.1KHz con CD-quality audio (anche se non poteva registrare l’audio a quelle frequenze). Includeva tutte le compatibilità con AdLib, Sound Blaster, e Roland MT-32, rendendola la migliore scheda audio di quegli anni. La sua discesa fu marcata dal fatto che i giochi sembravano preferire le SoundBlaster e che la Creative introdusse una politica molto aggressiva e di indubbio successo.

creative-labs-sound-blaster-16-1992

Creative Labs Sound Blaster 16 (1992)

La Sound Blaster 16 offrì un significante upgrade del primo modello, e pure della Sound Blaster Pro: CD quality 16-bit, 44.1KHz digital audio recording e playback. manteneva tutte le caratteristiche della Sound Blaster Pro ma con l’aggiunta di poter ospitare altre schede che collegate nella SB16 board  principale potevano introdurre più features come il supporto “full MIDI” e le sintesi wave. La SoundBlaster 16 fu così innovativa che dopo di essa, non ci furono più sostanziali incrementi nella qualità audio dei videogames per davvero lungo tempo. E come le schede madri iniziarono ad integrare dei chip audio alla fine degli anni ’90, le schede audio diventarono pezzi per appassionati e amatori. Solo due anni più tardi fu introdotta la Sound Blaster 16 VIBRA, un modello dal costo ridotto, destinato al mercato OEM con singolo chip che implementa tutte le caratteristiche della precedente Sound Blaster 16, ma era Plug and play con i sistemi operativi Windows.

Creative Labs Sound Blaster AWE32, 32 e AWE64 (1994-95-96)

Lanciata nel marzo 1994, la AWE32 (acronimo di Advanced Wave Effects) è una scheda ancora per slot ISA card lunga 356 mm, che include due distinte sezioni: la prima è dedicata all’audio digitale, virtualmente identica all’hardware della Sound Blaster 16; la seconda all’emulazione MIDI, attraverso un sintetizzatore. Quest’ultimo è composto da un processore EMU8000, da una ROM di sample da 1 MiB, EMU8011, e 512 KiB di RAM, espandibile attraverso memorie SIMM da 30 pin fino a 28 MiB. La Sound Blaster 32 non fu proprio un upgrade ma più che altro un modello economico della linea Sound Blaster con capacità di emulazione MIDI similari a quelle della AWE32, ma non dotata di RAM “di fabbrica” (anche se è comunque possibile aggiungerne); utilizza il chip per l’audio digitale Vibra.
tarawe64Successore della AWE32 lanciata nel 1996 fu la AWE64, ha dimensioni minori e memoria RAM proprietaria, prodotta da Creative; inoltre ha una migliore qualità polifonica, anche se modulata via software. Ne sono state introdotte tre versioni:
  • Value, dotata di 512 kB di RAM
  • Standard, dotata di 1 MB di RAM
  • Gold, dotata di 4 MB di RAM e uscita SPDIF

Sound-Blaster-Live-5.1

Creative Labs Sound Blaster Live!

Presentata nell’agosto 1998, si tratta della prima scheda basata su un nuovo processore chiamato EMU10K1, caratterizzato da molte caratteristiche innovative:

  • accelerazione DirectSound;
  • supporto dello standard EAX 1.0 e 2.0;
  • sintetizzatore a 64 voci;
  • ulteriore chip integrato FX8010 DSP, per effetti audio in tempo reale.

Una ulteriore versione, la Live! 5.1, supportava il sistema Dolby Digital 5.1. Di questa, chi vi scrive ne possiede 2 pezzi.

 

Sound-Blaster-Live-5.1

Creative Labs Sound Blaster Audigy e X-Fi

Dopo La Live!, seguirono le serie Audigy che implementarono parecchio l’EAX sino alla versione 5.0 in vari modelli (Audigy 2001, Audigy 2 2002 – disponibile anche per portatili su slot PMCIA, Audigy 2ZS 2004, Audigy 4 2005) e nel 2005 arrivarono i primi chip X-Fi (abbreviazione di Extreme Fidelity) in diverse versioni: XtremeMusic, Platinum, Fatal1ty FPS, XtremeGamer e Elite Pro. Caratterizzate dal processore audio EMU20K1, funzionante a 400 MHz, è circa 24 volte più potente rispetto al predecessore; inoltre il processore è realizzato in modo da adattare la potenza a seconda del lavoro al quale è sottoposto. Sono infatti presenti tre modalità (Gaming, Entertainment, e Creation) che attivano o disattivano combinazioni di caratteristiche del chipset.

dsc04857-lt

Categories: Hardware, News

Comments are closed.

  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin

Search Site

Popular Posts

Mini-tutorial: Installare Windows...

Nonostante sia una cosa del tutto semplice, capita sempre più ...

Xbox One? PS4?...

In questo periodo di paliatoni tra chi preferisce l'una o ...

I sondaggi di...

L'avvento di Windows 8 è stato una rivelazione, in meno ...

Monitor: come va...

Ho visto nel corso del tempo che molti quando vanno ...

ASUS e il...

"Mammaaaa, mi serve un nuovo Router!" "Come, quella cosa bianca quadrata ...

Twitter updates

RSS not configured

Sponsors

  • Archivio articoli

  • Tag e Argomenti