Computer Gaming

Tutto quello che volete sapere su Tech e Hardware dalla Apu alla Zalman

Guida: Memtest86+, quando la RAM fa i capricci

Posted by Eraovius on giugno - 10 - 2013

Arriva sempre un momento nella vita di chi usa il pc in cui si perde la testa non sapendo più che pesci pigliare. Riavvii improvvisi, messaggi di errore sempre diversi, errori di STOP, BSOD (le classiche Blue Screen Of Death di windows) malfunzionamento e crash improvviso di drivers o programmi che hanno sempre funzionato bene, sono i campanelli d’allarme più semplici per iniziare a pensare che la vostra RAM abbia dei problemi.

Sappiate sin d’ora che frasi tipo “la mia RAM ha sempre funzionato bene” o “La mia RAM non ha mai avuto problemi” o ancora “Ma la mia RAM è nuova è arrivata OGGI (piuttosto che non ieri)” non sono giustificazioni accettabili sul perché la vostra RAM dovrebbe funzionare bene per forza: quante volte avrò rimandato indietro Kit di RAM appena arrivati perchè guasti al’arrivo…

Anzi: è proprio uno di quegli elementi che si guastano improvvisamente e senza nessun accenno, sopratutto se subite spesso sbalzi di tensione a casa/ufficio e non siete protetti da un gruppo di continuità UPS oppure se il vostro alimentatore è di qualità scadente (in quest’ultimo caso non è necessario neanche uno sbalzo di tensione e vi invito alla lettura dell’articolo PSU – Guida alla scelta).

La prima cosa da fare è munirsi di pazienza; fatto ciò, bisogna creare un supporto col programma MEMTEST86+, che procederà all’analisi della nostra memoria.
Per utilizzarlo basta scaricare il file ISO, poi masterizzare l’immagine ISO e avviare il CD-ROM (funziona su qualsiasi sistema operativo per PC) o eseguendo il MemTest corrispondente al vostro sistema operativo (Windows o Linux). Io consiglio di usare una chiavetta USB, perchè il programma occupa pochi MB ed utilizzare CD o altro sarebbe uno spreco.

Esistono anche dei Tools utilizzabili sotto Windows, sopratutto quelli che fornisce la ASUS con le sue piastre madri: vanno bene lo stesso? La risposta, se volete il mio parere è NO. Questo perchè sotto windows è possibile analizzare solo la memoria che il sistema operativo non stà usando, limitando quindi l’analisi ad una buona quota di memoria, insufficiente però a darci una visione completa per scoprire eventuali problemi.

Come ulteriore analisi preventiva, potreste fare anche un test: provare ad utilizzare i banchi di RAM uno ad uno, e vedere se i problemi perdurano.

Istruzioni Passo-passo:

- Scaricare Memtest (per la versione già autoinstallante su USB-Key, clicca qui)

- Avviare Memtest autoinstallante per USB o creare un supporto qualsiasi con Memtest (anche CD-DVD)

- Inserire il supporto con Memtest e riavviare

Se avete usato un CD-DVD il programma partirà in automatico, se invece avete scelto un supporto USB, potrebbe esserci necessità di stabilire il boot-order da BIOS:

- Entrare nel BIOS se si decide di utilizzare la USB (seguiranno istruzioni più avanti per i meno esperti)

- Selezionare nel BOOT del BIOS il drive con MemTest86+ (se l’avete messo su USB, selezionate quella come primo dispositivo di boot, se avete un CD o DVD selezionate il lettore DVD)

- Aspettate. L’analisi della memoria Memtest può prendere dai 3-4 minuti a diverse decine di minuti, in dipendenza dal quantitativo di memoria RAM installata e in dipendenza dalla velocità del vostro processore centrale (CPU) e anche della vostra RAM.

Se verrà trovato anche un solo errore, la memoria è da cambiare, senza “se…” e senza “ma…”. Questo perchè anche un solo settore può destabilizzare il nostro sistema, inoltre se è un problema elettrico presto ne avremo molti, molti altri ad aggiungersi alle file dei settori guasti (che potrebbero causare anche danni agli Slot per la RAM della nostra scheda madre, se c’è un problema elettrico).

Ecco come interpretare le informazioni di Memtest:

Se vedete Errori (le belle bande evidenziate di rosso) dovete cambiare la vostra RAM.

 

Istruzioni per i meno pratici:

Per tutti coloro che non sono pratici, è il momento di imparare :) La prima cosa in cui potreste ottenere difficoltà è entrare nel BIOS e selezionare la scheda giusta: Per entrare nel BIOS bisogna calcare F2 oppure il tasto Canc (tasto anche chiamato Del nelle tastiere inglesi e in molti portatili)

Generalmente nei portatili si preme F2, nei computer Desktop Canc/Del

Dopo ciò, avrete da selezionare il vostro Boot, e muovendovi con le freccette laterali della tastiera scorrere nelle varie schede del BIOS: e ora vi mostriamo alcuni esempi di BIOS più frequenti, cosicché possiate destreggiarvi:

Per far si che l’USB disk salga al primo posto, selezionatelo con le freccette della vostra tastiera, e calcate +/- oppure F5/F6 per muoverlo su e giù nell’elenco.

Per qualsiasi informazione sono a vostra disposizione, lasciate un commento qui sotto per ulteriori richieste/segnalazioni :)

 

Categories: Guide, Hardware

Comments are closed.

  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin

Search Site

Popular Posts

Mini-tutorial: Installare Windows...

Nonostante sia una cosa del tutto semplice, capita sempre più ...

Xbox One? PS4?...

In questo periodo di paliatoni tra chi preferisce l'una o ...

I sondaggi di...

L'avvento di Windows 8 è stato una rivelazione, in meno ...

ASUS e il...

"Mammaaaa, mi serve un nuovo Router!" "Come, quella cosa bianca quadrata ...

Monitor: come va...

Ho visto nel corso del tempo che molti quando vanno ...

Twitter updates

RSS not configured

Sponsors

  • Archivio articoli

  • Tag e Argomenti