Computer Gaming

Tutto quello che volete sapere su Tech e Hardware dalla Apu alla Zalman

Per chi non conoscesse la saga che inizia col capitolo METRO2033 (tratto dall’omonimo romanzo di Dmitry Glukhovsky, pubblicato nel 2005), Metro è un gioco misto tra sparatutto e azione, con una bella storia (cosa ormai rara, sopratutto nei fps) e delle ambientazioni davvero eccezionali, riguardanti una Russia Post-apocalittica in cui i superstiti si son dovuti rifugiare nelle gallerie della metropolitana, per sopravvivere in una miseria in balia dei mutanti di superficie. Ma qualcuno, in cerca di un parente (il nostro eroe), inizierà ad avventurarsi in altre gallerie e si cimenterà alla riconquista della superficie.

Alternando scenari d’azione mozzafiato, di esplorazione, e sopratutto passaggi stealth (con la bellezza di poter sempre scegliere come procedere), Metro 2033 era riuscito a catturare le attenzioni dei giocatori hardcore per via della difficoltà di alcuni passaggi, della necessità di centellinare ogni risorsa a disposizione e usarla in maniera sempre strategica e per le azioni accorte che venivano richieste al giocatore che doveva spesso agire senza allertare il nemico. Voi siete Artyom, un ragazzo che le circostanze hanno trasformato in un combattente.

Tutto questo ha fatto di Metro 2033 uno dei giochi di maggiore successo per THQ, con 1,2 milioni di pezzi venduti. La community aspetta, quindi, con ansia questo seguito che, inizialmente previsto per la stagione natalizia 2012, è stato recentemente posticipato al primo trimestre del 2013. Il trailer Enter the Metro è diventato inoltre uno dei trailer più visti nella storia di THQ.

“Enter the Metro è stato girato a Kyiv, in Ucraina con un cast di oltre 150 persone a temperature bassissime. Unendo parti in live-action ed elementi in-game, “Enter the Metro” racconta la storia emozionante dell’apocalisse post nucleare che crea l’ambientazione atomica di Mosca in Metro: Last Light…”

In Metro: Last Light le cose, sul piano della storia, si complicano non poco. Il seguito diretto delle vicende di Metro 2033 è infatti Metro 2034, il nuovo romanzo di Glukhovsky pubblicato nel 2009, che vede il proseguimento della storia iniziata con Artyom, colui che è il salvatore del gruppo di coloro che si sono rifugiati nella metropolitana di Mosca dopo l’esplosione nucleare e la contaminazione degli esterni, che ha portato all’invasione di creature non umane. Metro Last Light va invece considerato come un libero adattamento di Metro 2034, con pochi punti di contatto con il romanzo, e con Artyom, a differenza del secondo romanzo, ancora protagonista nelle immense città del sottosuolo costruite nella rete dei canali della metropolitana. Come non bastasse il duro sopravvivere, una guerra civile sconvolge le stazioni-città, mentre delle creature non umane, conosciute come i Dark One, infestano gli esterni e minacciano di introdursi nella metropolitana, spesso riuscendoci. Alla fine del primo capitolo Artyom era riuscito a liberarsi dei Dark One lanciando un missile nel loro nido. Non si conoscono ancora i dettagli della storia di Metro Last Light, ma possiamo dire che i Dark One ci sono ancora e che la guerra tra i tunnel della metropolitana è viva come non mai.

GRAFICA e REQUISITI

La serie Metro è sostenuta da uno dei migliori motori grafici in assoluto, il cosiddetto 4A Engine, realizzato da una software house che di tecnologia se ne intende, perché è composta da alcuni dei programmatori che avevano lavorato su S.T.A.L.K.E.R., uno degli altri capolavori riguardanti un mondo della Russia post-apocalittica zeppa di insidie.

I requisiti sono tutt’altro che bassi, e, obiettivamente, il nuovo Metro: Last Light promette, per essere giocato ai massimi livelli,  di mettere in ginocchio qualsiasi PC che non sia dotato di un processore con i controfiocchi e di una Radeon 7990 o di GeForce Titan. Essendo sviluppato in collaborazione con Nvidia, i requisiti includono specifiche riguardanti le GeForce, ma a breve li aggiorneremo anche con le controparti AMD:

Minimi
Windows: XP (32-Bit), Vista, 7 o 8
CPU: 2.2 GHz Dual Core come Intel Core 2 Duo
RAM: 2GB
Spazio su Disco Rigido:7.5 GB
Direct X: 9.0c
Scheda Video: DirectX 9, Shader Model 3 come NVIDIA GTS 250 o superiore

Per il supporto a 3D Vision:
GeForce GTX 275 o superiore
120Hz Monitor
NVIDIA 3D Vision kit per Windows Vista, 7 o 8

Raccomandati
Windows: Vista, 7 o 8
CPU: 2.6 GHz Quad Core come Intel Core i5
RAM: 4GB
Spazio su Disco Rigido:7.5 GB
Direct X: 11
Scheda Video: NVIDIA GTX 580 / GTX 660 Ti o superiore

Per il supporto a 3D Vision:
GeForce GTX 580/660 Ti o superiore
120Hz Monitor
NVIDIA 3D Vision kit per Windows Vista, 7 o 8

Ottimali
Windows: Vista, 7 o 8
CPU: 3.4 GHz Multi-Core come Intel Core i7
RAM: 8GB
Spazio su Disco Rigido:7.5 GB
Direct X: 11
Scheda Video: GeForce GTX 680 SLI / GeForce GTX 690 / GeForce GTX TITAN

Per il supporto a 3D Vision:
GeForce GTX 680 SLI / GeForce GTX 690
120Hz Monitor
NVIDIA 3D Vision kit per Windows Vista, 7 o 8

 

Categories: Gaming&Games, Videogames

Comments are closed.

  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin

Search Site

Popular Posts

Mini-tutorial: Installare Windows...

Nonostante sia una cosa del tutto semplice, capita sempre più ...

Xbox One? PS4?...

In questo periodo di paliatoni tra chi preferisce l'una o ...

I sondaggi di...

L'avvento di Windows 8 è stato una rivelazione, in meno ...

ASUS e il...

"Mammaaaa, mi serve un nuovo Router!" "Come, quella cosa bianca quadrata ...

Monitor: come va...

Ho visto nel corso del tempo che molti quando vanno ...

Twitter updates

RSS not configured

Sponsors

  • Archivio articoli

  • Tag e Argomenti